In offerta!

Aborto: perdita e rinnovamento – Un paradosso nella ricerca di identità

 13.30

Anno: 2013
Editore: Moretti & Vitali
Autore: Eva Pattis Zoja
Argomento: Psicologia

Tag: , ,

Descrizione

Di fronte alla scelta, si deve dire un “sì” o un “no”, che diventano irrevocabili; ma le donne sanno che non si tratta mai di una decisione “giusta” in assoluto. Passano attraverso i pro e i contro, individuali e sociali, la valutazione delle responsabilità verso sé stesse e gli altri, l’estensione dei loro desideri, femminili e personali, spesso in contrasto fra di loro.

C’è un desiderio di procreare, per esempio, che nasce dal profondo bisogno biologico di continuare la specie. Ma quando questo desiderio, che ha indotto alla gravidanza, è anche desiderio di maternità?

Secondo Eva Pattis l’aborto, oggi e in questo nostro contesto culturale, può assumere il valore simbolico di un sacrificio d’iniziazione: oltre il quale si acquisisce la consapevolezza della vita e della morte, si accede all’età adulta, ci si incammina definitivamente nel percorso di individuazione di sé. E’ il momento iniziatico che costringe a farsi coraggio, ma anche a valutare realisticamente quale sia la carica delle risorse disponibili: quelle che attendono di essere mobilitate, e quelle che sono state utilizzate per garantire sicuri margini di indipendenza, di autonomia. In questo senso l’aborto non è un dramma, un gesto disperato, una colpa inespiabile o una sfida alla schiavitù biologica e sociale.

Un percorso che le donne continueranno a fare da sole? Finché si negherà loro il diritto di abortire in nome della “vita”, da un lato, e si riverserà su di loro “l’ultima parola” dall’altro, l’aborto rimarrà un nodo oscuro, dove riversare umori integralisti o dal quale prendere razionali distanze. Si continui a discuterne dando spazio a chi l’aborto lo vive sulla propria pelle.