Alla base dell’iceberg

 25.00

Anno: 2017
Editore: Franco Angeli
Autore: Orazio Licciardello, Giuseppina Maria Cardella
Argomento: Psicologia sociale

Descrizione

La violenza sessuale, fenomeno fortemente negativo per la qualità di vita di tante donne, trova profonde radici negli effetti che la tradizionale cultura di subordinazione del mondo femminile ed il correlato quadro di stereotipi sociorelazionali continuano a produrre nella società attuale, “informando” parte degli istituti alla base delle rappresentazioni sociali specifiche e dell’humus culturale e valoriale che alimentano l’identità sociale e personale del femminile e del maschile. In tal senso sembra deporre anche il successo di audience di quei prodotti mass-mediologici che concorrono a mantenere/implementare nell’immaginario collettivo il ruolo della donna nei termini della sexual objectification, i cui sottesi processi psico-sociali sembrano concorrere al fenomeno del blaming the victim, ovvero ad atteggiamenti di maggiore comprensione verso gli stupratori e di maggiore responsabilizzazione delle vittime. Questo volume, frutto di riflessioni e ricerche iniziate già negli anni ’90, mira ad esplorare, oltre alle “dimensioni di superficie”, il complesso di atteggiamenti e stereotipi che articolano le rappresentazioni sociali della violenza sessuale nelle nuove generazioni maggiormente acculturate, ivi comprese quelle che seguono corsi universitari che dovrebbero fornire strumenti di analisi e di riflessione funzionali ad un adeguato cambiamento culturale. Vengono inoltre riportati alcuni dati di confronto relativi a ricerche condotte in periodi diversi per verificare la possibile evoluzione nel tempo degli atteggiamenti relativi alla rappresentazione della violenza sessuale.