Il gruppo adottivo. Contesti istituzionali nell’intervento con le famiglie

 17.00

Anno: 2016
Editore: Franco Angeli
Autore: Angela Maria Di Vita , Concetta Sole
Argomento: Psicologia sociale

Tag: , , ,

Descrizione

In breve

Un’indagine tesa a misurare l’efficacia del lavoro psico-giuridico nel pre-adozione e i suoi esiti a distanza di anni. Un testo per gli studenti delle lauree triennali di Scienze e tecniche psicologiche e di Scienze del Servizio Sociale e delle lauree magistrali in Psicologia clinica e Psicologia del ciclo di vita, nonché per professionisti e operatori impegnati sul versante psicologico e giuridico nell’ampio contesto del processo adottivo.

Presentazione del volume

La letteratura nazionale e internazionale sull’adozione è ricca di contributi e spunti di riflessione legati a diversi aspetti che caratterizzano questo percorso, focalizzati prevalentemente sulle caratteristiche della relazione genitore-figlio, sull’adattamento psicosociale del minore, sulle peculiarità dei legami di attaccamento.
Meno frequenti, ma di estrema importanza, appaiono le indagini tese a misurare l’efficacia del lavoro psico-giuridico nel pre-adozione e i suoi esiti a distanza di anni; in particolare, il matching tra coppia adottiva e bambino sembra delinearsi come un processo che si snoda nel corso del tempo e che è fortemente influenzato non solo dalle caratteristiche degli individui coinvolti ma anche dal lavoro che gli operatori svolgono prima, durante e dopo l’inizio dell’adozione stessa.
La ricerca presentata in questo volume è stata realizzata a Palermo dall’Università con il Tribunale per i Minorenni, cornice simbolica in cui le famiglie adottive si sono costituite e in cui si sono mossi i suoi protagonisti principali: i genitori adottivi, i loro figli e, soprattutto, il “discorso sull’adozione”, che ha permeato l’atteggiamento degli adottanti e degli adottati nei confronti dell’esperienza adottiva e della loro storia personale.
Il volume si rivolge agli studenti delle lauree triennali di Scienze e tecniche psicologiche e di Scienze del Servizio Sociale e delle lauree magistrali in Psicologia clinica e Psicologia del ciclo di vita, nonché a professionisti e operatori impegnati sul versante psicologico e giuridico nell’ampio contesto del processo adottivo.

Angela Maria Di Vita, già professore ordinario di Modelli e interventi sulla genitorialità, presso l’Università degli Studi di Palermo, è giudice onorario presso il Tribunale per i minorenni di Palermo. Tra le sue pubblicazioni: con A. Salerno, Genitorialità a rischio. Ruoli, contesti e relazioni (Angeli, 2004); con M. Garro, Il fascino discreto della famiglia. Mutazioni familiari e nuove competenze (Angeli, 2006); con R. Salierno, Minori che abusano. La ricerca e il trattamento sugli adolescenti sessualmente violenti (Edizioni Cisu, 2013).
Concetta Sole, già presidente dei Tribunali per i Minorenni di Caltanissetta e Palermo, presidente dell’Osservatorio per la giustizia civile, Sezione Famiglia della Corte d’Appello di Palermo; autore di scritti di carattere giuridico in materia minorile e familiare.

Indice

Gli autori
Santo Di Nuovo, Prefazione
Angela Maria Di Vita, Presentazione
Concetta Sole, Antonina Pardo, Cinzia Petruso, L’adozione: un percorso complesso per magistrati, operatori e genitori
Angela Maria Di Vita, Alessandra Salerno, Stabat mater. L’evoluzione delle ricerche clinico-sociali nazionali e internazionali sull’adozione
Sebastiana Giuliano, Elena Li Vecchi, L’impianto metodologico della ricerca e l’analisi qualitativa dei questionari di coppia
Vincenzo Barbato, Silvia Lo Verde, Diventare famiglia adottiva: senso di estraneità – senso di appartenenza
Concetta Sole, Angela Maria Di Vita, Alessandra Salerno, Conclusioni
Donatella Cavanna, Postfazione.