In offerta!

Il legame gruppale nell’adolescenza

 21.38

Anno: 2002
Editore: Borla
Autore: A. Verdolin
Argomento: Psicologia

Descrizione

Una volta o l’altra, gli adolescenti si allontanano dal gruppo familiare per partecipare a gruppi di appartenenza, spontanei o socialmente strutturati. Durante questo periodo paradossale, il giovane adulto, che accede a una sessualità matura e riproduttiva, deve abbandonare i propri investimenti familiari di tipo edipico a difesa contro le tentazioni incestuose e trovare allo stesso tempo il proprio posto nella catena transgenerazionale. C’è quindi passaggio dalla dipendenza familiare all’affiliazione (riconoscimento dell’appartenenza a un gruppo sociale) poi alla filiazione (riconoscimento del posto transgenerazionale). Questo libro si propone di pensare il gruppo come spazio di appoggio del processo di adolescenza e, al di là, come costitutivo della socialità. J.-B.Chapelier descrive l’emergere e le trasformazioni della gruppalità interna nell’ambito delle psicoterapie psicoanalitiche di gruppo. B. Duez, partendo dalla sua pratica con adolescenti a tendenza antisociale, sviluppa i concetti di transfert topico e di oscenalità. F. Richard s’interessa alla questione della soggettivazione nell’adolescenza. R. Kaës delinea ciò che, all’interno dei gruppi detti di formazione, mobilita i processi psichici propri dell’adolescenza. Infine, D. Marcelli abborda il ruolo dei pari differenziando ciò che avviene nei maschi (i compagni) da ciò che avviene nelle femmine (l’amica).