Il tempo sospeso. Anoressia e bulimia tra individuo, famiglia e società

 33.00

Anno: 2014
Editore: Franco Angeli
Autore: Luigi Onnis
Argomento: Psicoterapia

Tag: , , ,

Descrizione

In breve
Alcune ipotesi interpretative che consentono una più chiara comprensione dell’anoressia e bulimia e forniscono più efficaci orientamenti terapeutici. Un testo per gli operatori dell’area medica, psicologica, psicoterapeutica, e per quanti a qualsiasi titolo (educatori, pedagogisti, assistenti sociali, insegnanti, genitori) sono interessati a capire, in modo aggiornato e approfondito, il senso di una sofferenza sempre più diffusa tra le nostre giovani generazioni.
Presentazione del volume
L’anoressia e la bulimia sono disturbi del comportamento alimentare in crescente espansione. Diffuse soprattutto tra gli adolescenti, prevalentemente di sesso femminile, esse esprimono, però, una sofferenza che va al di là del puro problema nutrizionale, e coinvolge la sfera psicologica e quella relazionale.
Il libro vuole, appunto, restituire a questi disturbi il significato di “fenomeni complessi”, in cui si intrecciano molteplici componenti, sempre strettamente collegate:
* influenze socio-culturali che si riferiscono alle profonde trasformazioni del ruolo della donna, in una società che mette in vetrina corpi eternamente giovani ed efficienti;
* aspetti psicologici individuali che, nel problematico rapporto col corpo, esprimono una complessiva difficoltà di crescita;
* dinamiche familiari che, nelle rigidità delle interazioni dei legami e dei miti condivisi, evidenziano un “corpo familiare” che sembra arrestarsi nelle proprie capacità evolutive.
C’è dunque un filo conduttore che attraversa le molteplici componenti in gioco in questi disturbi: il tentativo impossibile di sospendere il tempo dello sviluppo e della crescita. Di questo “tempo sospeso”, il corpo anoressico e bulimico offre una suggestiva metafora, di cui vanno pazientemente ricostruiti i significati.
Il libro fornisce al lettore una guida essenziale in questo percorso. Esso si rivolge sia agli operatori dell’area medica, psicologica, psicoterapeutica, sia a quanti (educatori, pedagogisti, assistenti sociali, insegnanti, genitori) sono interessati a capire, in modo aggiornato e approfondito, il senso di una sofferenza sempre più diffusa tra le nostre giovani generazioni.