In offerta!

La mente psicopatica

 26.60

Anno: 2017
Editore: Giovanni Fioriti Editore
Autore: J. Reid Meloy
Argomento: Psicotraumatologia

Descrizione

La psicopatia è un disturbo deviante dello sviluppo, caratterizzato da un’eccessiva quantità di aggressività istintuale e dall’assenza della capacità relazionale oggettuale di creare legami. La psicopatia è un processo, un’interazione continua di fattori e operazioni che stanno implicitamente progredendo o regredendo verso uno specifico punto finale e una fondamentale disidentificazione con l’umanità. L’autore fornisce una concezione dell’eziologia di questo disturbo che abbraccia dimensioni psicobiologiche e psicoanalitiche. Con questo duplice orientamento, l’autore ci accompagna lungo un percorso attraverso il quale visitiamo un patrimonio di contributi rilevanti e aggiornati provenienti dalla neurobiologia e dalla neuropsicologia. Ci viene poi presentata una ricca, estensiva e profonda indagine di un ampio spettro di formulazioni psicosociali e psicoanalitiche. Una delle idee più originali espressa in questo libro riguarda la distinzione tra aggressività evocata affettivamente, che è la più comune in ognuno di noi, e l’aggressività predatoria, che sembra essere il segno caratteristico della psicopatia. Un’altra scoperta importante è che i pazienti psicopatici sperimentano una caratteristica iporeattività del sistema nervoso autonomo periferico; per compensare, possono perseguire manifestazioni affettive aggressive. “L’aggressività predatoria, anche se non androgenodipendente, può essere innescata socialmente dalla ricerca da parte dello psicopatico di aumentati livelli di eccitazione autonomica e dell’aggressività affettiva”. Su questa scia, lo psicopatico può agire comportamenti violenti per amplificare la propria eccitazione sessuale. Questa iporeattività autonomica sembra anche essere la causa della difficoltà dello psicopatico ad apprendere dall’esperienza e a sviluppare capacità di insight.