Le radici neurocognitive dell’apprendimento scolastico. Le materie scolastiche nell’ottica delle neuroscienze

 38.00

Descrizione

In breve
Il volume propone diversi esempi di iniziative trans- e cross-disciplinari emergenti nelle discipline scolastiche che tipicamente definiscono un terreno educativo comune e imprescindibile per gli studenti di tutto
Presentazione del volume

Nell’ottica di un’educazione informata dalle neuroscienze, il volume propone diversi esempi di iniziative trans- e cross-disciplinari emergenti nelle discipline scolastiche che tipicamente definiscono un terreno educativo comune e imprescindibile per gli studenti di tutto il mondo: lettura, scrittura, matematica, e ancora scienze, storia e geografia, senza trascurare l’importanza delle forme di espressione artistica. Partendo dalla descrizione delle traiettorie tipiche e atipiche dell’apprendimento per ciascuna materia, vengono identificate le esperienze più importanti e in che modo le differenze individuali influenzino le abilità nel formare i circuiti cerebrali per l’apprendimento nelle diverse aree di contenuto disciplinare.
Tra gli argomenti d’interesse esplorati nel volume, gli effetti dei media su giovani e bambini, la proposta di tecniche alternative per la diagnosi precoce di disturbi di lettura non meglio riconducibili a dislessia, l’integrazione tra basi cerebrali, prospettiva cognitiva e prospettiva psicosociale nello sviluppo della coscienza storica e della conoscenza geografica, il rapporto tra emozione, memoria e cognizione matematica, la centralità dello sviluppo psicomotorio per le facoltà cognitive superiori e le potenzialità individuali.
L’apprendimento scolastico si offre come una sorta di territorio o terreno privilegiato per la crescita e il nutrimento del cervello, in particolare quando all’insegnamento corrisponde il germogliare di nuove connessioni cerebrali in colui a cui viene insegnato. È su questo terreno fertile che affondano le radici – neurocognitive – dell’apprendimento scolastico.