Le vittime e la vittimologia. Teorie e applicazioni

 27.00

Anno: 2015
Editore: Franco Angeli
Autore: Gilda Scardaccione
Argomento: Psicologia giuridica

Tag: , ,

Descrizione

In breve

La vittimologia si è sviluppata in diverse aree di interesse in una prospettiva interdisciplinare che coinvolge discipline penalistiche, sociologiche e psicologiche. Il volume ripercorre questa evoluzione rilevando i fattori di vulnerabilità che facilitano i processi di vittimizzazione, con particolare riferimento alle vittime di età minore e alla violenza di genere, indicando anche le possibili cautele per evitare negli interventi giudiziari e istituzionali fenomeni di vittimizzazione secondaria.

Presentazione del volume

Le vittime di reato richiamano ormai da tempo l’attenzione di studiosi, organismi internazionali e istituzioni anche non governative, in linea con disposizioni internazionali e leggi nazionali che ne sanciscono il diritto a un adeguato riconoscimento, protezione, tutela e interventi sulle conseguenze dei processi di vittimizzazione.
La vittimologia, sin dalle sue origini, si è imposta come disciplina orientata alla rivalutazione delle vittime sviluppandosi in diverse aree di interesse in una prospettiva interdisciplinare che coinvolge l’ambito penalistico, sociologico e psicologico. Il volume ripercorre questa evoluzione rilevando in modo particolare i fattori di vulnerabilità che facilitano i processi di vittimizzazione, con particolare riferimento alle vittime di età minore e alla violenza di genere, indicando anche le possibili cautele per evitare negli interventi giudiziari e istituzionali fenomeni di vittimizzazione secondaria. In tale prospettiva si affermano orientamenti di ricerca che tendono a valorizzare la vittima in contesti più ampi, riformulando la prospettiva giuridico-penale in direzione di metodologie sempre più efficaci di raccolta delle informazioni e di tutela delle parti offese.
L’azione di contrasto nei confronti dei processi di vittimizzazione impone l’analisi della sicurezza percepita e della paura della criminalità con azioni preventive dirette sia a coloro che hanno subito un reato sia alla popolazione che si sente minacciata dal rischio di future vittimizzazioni.
Vengono indicate sulla base di ricerche anche a livello internazionale nuove metodologie di intervento che tendono a promuovere il ripristino della capacità delle vittime di reato secondo tecniche di empowerment e modalità operative di incremento della sicurezza in ambito sociale che non possono non coinvolgere il sistema penale, facendo ricorso anche a nuove metodologie extraprocessuali che impongono attività riparative e percorsi di mediazione.

Gilda Scardaccione è professore di Criminologia presso l’Università G. d’Annunzio di Chieti-Pescara. Ha svolto per diversi anni l’attività di Giudice Onorario presso il Tribunale dei Minori di Roma. È autrice di numerose pubblicazioni in tema di interventi istituzionali sulla devianza soprattutto minorile e sulle situazioni di abuso intrafamiliare. Tra le più recenti: Bullismo tra globalizzazione e realtà locale (Carocci, 2012, con M. Fornaro). Per i nostri tipi ha pubblicato Il minore autore e vittima di reato (2003) e Minori a rischio. Come costruire progetti di tutela (2006, con G. Mostardi e M. Petrosino).

Indice
Introduzione
Perché uno studio della vittima
(Lo studio della vittima e dei delitti; Criminologia e vittimologia; Vittimologia e diritto; Vittimologia e società)
Origini e sviluppo della vittimologia
(Premessa; I precursori; La prospettiva sociologica; Ambiguità di un concetto; Il contributo della psicologia allo studio della vittima; Dalle predisposizioni vittimogene al rischio di vittimizzazione; Rischio di vittimizzazione e percezione da parte della vittima: riflessi sugli interventi di protezione; La vittimizzazione multipla; Le inchieste sulla vittimizzazione)
Fattori di vulnerabilità e vittimizzazione
(L’età; Forme di vittimizzazione in relazione alla minore età; Il genere; La relazione; La vittima anziana: vulnerabilità rispetto all’età o al genere?)
La vittima nel processo penale
(La vittima nel processo penale: tra tutela giuridica e accertamenti diagnostici; La vittima come testimone)
Nuove prospettive per la vittima nel processo penale
(Il paradigma riparativo; La mediazione penale; Quanto è diffusa la mediazione penale in Europa; Le esperienze italiane; Le applicazioni della mediazione: gli operatori, gli attori e il diritto; Quale futuro per la giustizia riparativa e la mediazione penale)
Vittime, strategie di prevenzione e sicurezza sociale
(Programmi e servizi a favore delle vittime: una prospettiva critica; Prevenzione della vittimizzazione e prevenzione della criminalità: due obiettivi che coincidono?; Prevenzione e tipologie di reato: è possibile una prevenzione delle differenze?; Programmi e servizi per le vittime; La Giustizia Riparativa: una prevenzione possibile?)
Conclusioni
Bibliografia.