Relazioni d’aiuto e resilienza. Strumenti e indicazioni per il benessere degli operatori

 30.00

Anno: 2014
Editore: Franco Angeli
Autore: Bianca Bertetti , Cristina Castelli
Argomento: Psicologia

Tag: , , ,

Descrizione

L’idea di questo libro nasce dalle richieste degli operatori delle relazioni di aiuto, interessati a incrementare la propria resilienza a contatto con le problematiche e fatiche che presentano gli utenti.
Nella convinzione che gli operatori siano, nel rapporto con gli utenti, importanti “tutori di resilienza” attraverso le loro competenze e modalità relazionali, si è fatto il punto sui fattori che sostengono tale processo in età adulta e nell’ambito lavorativo: la rete sociale, la famiglia, le risorse individuali, i valori. Si sono poi individuate le principali cause di difficoltà lavorative, che possono sfociare in problematiche (quali stress e burnout).
Per approfondire nel concreto le modalità di resilienza degli operatori sono state riportate, nella seconda parte del libro, una serie di storie complesse il cui esito è stato positivo, raccontate e commentate direttamente dagli operatori. Sono emerse interessanti e “vissute” indicazioni su come superare le difficoltà nelle relazioni interpersonali con adulti e bambini, reagire all’impatto con vicende particolarmente traumatiche, affrontare lo stress da organizzazione e le problematiche coi colleghi, riconoscere il disagio che proviene da fattori soggettivi, riorganizzarsi dopo un licenziamento.
Nella terza parte del volume, partendo dalla convinzione che la consapevolezza di sé è l’elemento basilare per sviluppare un’intelligenza emotiva che sostenga la resilienza, vengono descritti alcuni percorsi per prevenire lo stress e promuovere la resilienza, utili per gli operatori psicosociali ed educativi, ma anche per gli insegnanti, i genitori e gli studenti che si avvicinano alle professioni di aiuto. Sono inoltre presentate indicazioni pratiche che provengono dalle antiche psicologie orientali e da quelle dell’attuale psicologia occidentale – la minfulness, la psicologia positiva, la narrazione, l’ACT – senza dimenticare l’importanza dello sport.