Transfert di vita

 24.00

Anno: 2020
Editore: Franco Angeli
Autore: Maria Pierri , Maria Vittoria Costantini
Argomento: Psicoanalisi

Descrizione

Da Ricordare, ripetere, rielaborare ad Al di là del principio del piacere Freud continuò ad interrogarsi sulla “demoniaca” coazione a ripetere esperienze spiacevoli che appariva contraddire il principio del piacere.
Ogni psicoanalista, attraverso la propria specifica prospettiva, si trova a confrontarsi con questa complessa ed incompiuta eredità. La ricchezza di questo tema ha spinto i curatori a raccogliere e a confrontarne le diverse interpretazioni sia teoriche che cliniche. Nello spessore della teoria freudiana un lettore sensibile può riconoscere, accanto all’attenzione per l’attività pulsionale, la permanente consapevolezza dell’importanza dell’oggetto e delle sue qualità eminenti.
Come i lavori qui raccolti testimoniano, proprio in coincidenza con l’introduzione della pulsione di morte, Freud ci offrì la mirabile infant observation di un bambino che attraverso la ripetizione del gioco cercava di far fronte alla separazione e poi alla morte della madre.
Oltre il principio del piacere c’è dunque un oggetto e, dietro la morte, la vita: l’elemento non compiutamente vissuto, muto o traumatico, i residui di realtà, resti di vita ripetuti e rielaborati nella ritmica attualità dell’incontro pazienteanalista, possono conquistare quella trasformazione che apre alla capacità comunicativa e rappresentativa. È il potenziale vitale di ogni processo di ripetizione che in analisi, attraverso il lavoro di transfert e controtransfert, ne determina il destino